Ha aggiunto: “Molte aziende non seguono il regolamento

Ha aggiunto: “Molte aziende non seguono il regolamento

Il loro obiettivo a breve termine è concentrarsi su tessuti e malattie specifici in quei tessuti per restringerli. Ciò contribuirà a dimostrare la sicurezza e il controllo e, man mano che la tecnologia migliora, potrebbe evolversi in un approccio più sistemico.

"Spero che noi, Rejuvenate Bio, così come altri, inizieremo a fare progressi per fornire queste terapie generali per la salute", ha detto Davidshon. “Non vogliamo aumentare il numero di anni in cui hai un problema. Vogliamo sbarazzarci del problema e darti anni senza problemi.

Vuoi dormire meglio, avere più energia, perdere quei chili in più, avere una pelle più liscia o dire addio all'ansia? C'è una pillola per questo, ed è da banco, almeno se credi alle affermazioni! Mentre innumerevoli aziende vendono integratori alimentari, come vitamine, minerali, rimedi erboristici, enzimi e probiotici e promettono miglioramenti per vari problemi di salute, dovresti stare attento a quale bottiglia raggiungi sugli scaffali o aggiungi al tuo carrello online.

Punti chiave:

  • Da prodotti inefficaci a prodotti pericolosi, ci sono molte truffe sul mercato degli integratori.
  • Sebbene esistano alcune normative della FDA sugli integratori, la FDA di solito non viene coinvolta a meno che non vengano segnalati effetti avversi.
  • Ci sono alcune bandiere rosse a cui prestare attenzione, così come alcune buone pratiche da tenere a mente, quando si acquistano integratori.

A causa del modo in cui gli integratori alimentari sono classificati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, non è necessario che siano registrati o approvati dalla FDA prima di essere venduti al pubblico.

Il regolamento esiste, ma non basta. Shawn Wells, "ingredientologo" e noto anche come "il più grande formulatore del mondo", che ha formulato più di 1.000 integratori e brevettato 25 ingredienti, ha dichiarato a Healthnews: "I regolamenti non possono tenere il passo. Le cose devono essere piuttosto oltraggiose perché la FDA o la FTC Federal Trade Commission intervengano”. Ci sono decine di migliaia di aziende, ma non ci sono abbastanza persone per stare al passo con il ritmo con cui le nuove aziende iniziano a commercializzare nuovi integratori alimentari. Ha aggiunto: “Molte aziende non seguono il regolamento. A loro non dispiace correre il rischio perché ci sono pochissime possibilità di essere schiaffeggiati sul polso.

Il rischio che queste aziende corrono può diventare il costo che i consumatori pagano per la loro salute. Reazioni allergiche, effetti collaterali negativi, reazioni negative ai farmaci da prescrizione o semplicemente spreco di denaro sono tutte conseguenze negative delle truffe sugli integratori.

Wells ha sottolineato che esiste una regolamentazione In effetti, la FDA ha pubblicato la sua regola finale per le attuali buone pratiche di fabbricazione (cGMP) per l'industria degli integratori nel 2007, affermando che i produttori sono tenuti a valutare l'identità, la purezza, la forza e la composizione dei loro integratori alimentari. Ciò si aggiunge alla necessità per le aziende di soddisfare i requisiti delle linee guida sull'etichettatura ai sensi del Dietary Supplement Health and Education Act del 1994.

La FDA, tuttavia, interviene solo quando c'è stata una segnalazione di effetti avversi dovuti all'assunzione di un integratore, che potrebbe essere più comune di quanto si possa pensare.

Sebbene i dati siano limitati, secondo un articolo speciale pubblicato sul New England Journal of Medicine, tra il 2004 e il 2013, ci sono state "circa 23.000 visite al pronto soccorso negli Stati Uniti ogni anno attribuite a eventi avversi legati agli integratori alimentari".

Negli ultimi due decenni, c'è stata una crescita esponenziale degli adulti che vogliono prendere in mano la propria salute e cercare modi per ottimizzare la propria salute fisica e mentale. Il loro accesso agli integratori che potrebbero aiutare è più grande che mai. Gli integratori alimentari sono un grande business e stanno registrando la loro crescita più alta. Secondo un rapporto di analisi di mercato di Grandview Research, la dimensione del mercato globale degli integratori alimentari è stata valutata a $ 163,9 miliardi nel 2022 e si prevede che si espanderà a un tasso di crescita annuale composto (CAGR) dell'8,9%, che dovrebbe raggiungere $ 327,4 miliardi entro il 2030.

Nonostante la mancanza di convalida dietro la maggior parte degli integratori, più di 7 adulti su 10 li assumono, secondo un sondaggio tra i consumatori del Council for Responsible Nutrition. Ciò porta a un continuo aumento di nuove vitamine che arrivano sul mercato ogni anno.

Con l'abbondanza di opzioni, è facile sentirsi sopraffatti e confusi quando ci si trova nel corridoio supplementare del negozio di alimentari. È importante considerare che mentre le affermazioni di marketing potrebbero risaltare, ciò non significa che il supplemento funzionerà.

Ecco sette bandiere rosse a cui prestare attenzione e sei migliori pratiche per assicurarti di non compromettere la tua salute e ottenere il massimo dai tuoi soldi.

Sette bandiere rosse per gli integratori

1. "Miscele proprietarie"

Wells avverte che le miscele proprietarie ti raccontano solo una parte della storia. Può contenere tutti gli ingredienti, ma la quantità conta. Elenca gli ingredienti in ordine di massa decrescente, il che significa che il primo ingrediente è la quantità più alta, ed è sempre meno man mano che l'elenco continua. Tuttavia, tali descrizioni non specificano l'importo esatto per ciascuno. Questo potrebbe portare a una "spolverata di fate", quando l'ingrediente più importante ha pochissima quantità mentre quelli meno importanti occupano il resto.

2. Richieste di numeri jolly

Quando le aziende rivendicano prove scientifiche e fatti sul prodotto, spesso è solo uno stratagemma di marketing. La "scienza" che sta dietro queste affermazioni può essere esagerata e manipolativa sulla base di uno studio su un piccolo campione, quindi prendi sempre queste affermazioni con le pinze, soprattutto se si tratta di un integratore che non proviene da un marchio affermato.

3. Troppi ingredienti

Quando il prodotto (esclusi i multivitaminici) contiene troppi ingredienti, in particolare quelli elencati come "Altri ingredienti", potrebbe non produrre l'effetto desiderato. Ingredienti diversi funzionano attraverso percorsi fisiologici diversi, quindi più non è sempre meglio.

4. Buono per troppi disturbi

Quando il prodotto afferma di fornire sollievo per un gran numero di problemi, come intestino che perde, problemi di pelle, gonfiore, sensibilità all'insulina e altro tutto in una volta, è probabile che sia troppo promettente e non fornisca.

5. Dichiarazioni di "prevenire", "trattare" o "curare" la malattia

Poiché gli integratori alimentari non devono essere approvati dalla FDA prima di essere venduti sul mercato, non hanno prove legittime che dimostrino che potrebbero prevenire, curare o curare qualsiasi malattia. È anche contro la legge fare queste affermazioni.

6. Recensioni troppo belle per essere vere

Leggere le testimonianze dei clienti di qualsiasi prodotto che stai cercando di acquistare è una buona strategia, ma non dovrebbe guidare la tua decisione. Ogni essere umano ha un corpo diverso e, a causa della nostra bioindividualità, non esiste una soluzione "un integratore adatto a tutti".

7. Uso di fantasiose parole scientifiche

Non innamorarti di frasi e promesse che possono sembrare sostenute dalla scienza. Le aziende sono libere di commercializzare qualsiasi messaggio dal suono innovativo per convincerti ad acquistare il loro prodotto, ma "risultati miracolosi", "nuove scoperte scientifiche" e "risultati che cambiano la vita" non sono altro che penny luccicanti: potrebbero sembrare buoni ma non valgono molto.

Sei migliori pratiche di supplemento

1. Raggiungere marchi consolidati

Puoi avere molta più fiducia nell'acquistare da aziende che esistono da molti anni e hanno una reputazione positiva consolidata. Queste aziende spendono milioni di dollari per la convalida da parte di organizzazioni di terze parti, quindi Wells consiglia di supportare le aziende che sostengono la tua salute.

2. Etichettatura onesta

Più trasparente è l'azienda con i suoi ingredienti e le quantità di ciascuno utilizzato, meglio è. Inoltre, avere un sigillo e una bottiglia di qualità e includere un modo semplice per contattare l'azienda sull'etichetta, dimostrano trasparenza e fiducia.

3. Certificazione di terze parti

Esistono organizzazioni di terze parti, come NSF (National Sanitation Foundation), Certified for Sport e USDA Organic che forniscono standard di test indipendenti e certificazioni di prodotto. Il loro obiettivo è proteggere ulteriormente i consumatori dai contaminanti e garantire che nessun ingrediente aggiuntivo sia incluso nel supplemento che non sia visualizzato sull'etichetta.

4. Fai la tua ricerca

Cerca l'azienda, la loro storia e il loro processo per l'approvvigionamento degli ingredienti. Se ci sono ingredienti che sembrano poco familiari, assicurati di parlarne con il tuo medico.

5. Assicurarsi che venga utilizzata la giusta forma degli ingredienti come componente attivo

"Comprerò un prodotto solo se ogni ingrediente elencato mostra la sua parte vegetale, un genere della specie nome latino della pianta, la forma standardizzata e la quantità", afferma Well. Lo fa notare come se fosse la parte sbagliata della pianta utilizzata come ingrediente attivo, potrebbe essere completamente inefficace. Prendi il ginseng per esempio. È la radice di ginseng che ha avuto un impatto, ma se l'integratore contiene foglie di ginseng, non avrà l'effetto promesso. È anche importante tenere presente che "tutto naturale" non significa sempre che stia supportando il percorso giusto nel tuo corpo.

6. L'approvvigionamento è importante

Cerca ingredienti di marca che abbiano brevetti e studi che ne dimostrino la sicurezza e l'efficacia. È fondamentale sapere che stai "ottenendo ciò per cui stai pagando e non ottenendo ciò per cui non stai pagando", afferma Wells. E. coli, metalli pesanti, glifosato, radiazioni e sostanze vietate possono tutti finire nella tua prossima vitamina se l'azienda da cui stai acquistando non ha fatto il possibile per controllare gli ingredienti e sottoporli a test rigorosi.

L'acquisto di integratori può sembrare travolgente. Sebbene ci siano molte truffe nello spazio degli integratori, ci sono modi per proteggerti. Fai le tue ricerche e assicurati di comprendere le aziende e i prodotti che stai acquistando.

Un nuovo studio rileva che mentre i casi di cancro cervicale in stadio iniziale stanno diminuendo, i casi in stadio distante sono in aumento negli Stati Uniti. Ciò potrebbe essere probabilmente attribuito al mancato o alla mancanza di screening delle linee guida e al basso tasso di vaccinazione contro il papillomavirus umano in alcuni gruppi.

I ricercatori dell'Università della California, Los Angeles (UCLA) hanno analizzato i dati su 29.715 donne del programma US Cancer Statistics dal 2001 al 2018.

Contents